mercoledì 9 settembre 2015

Lettura veloce, quantum e ipnosi



di Ippolito Lamedica

La lettura veloce è spesso considerata “solo” una questione di allenamento muscolare: allargare l’angolo visivo e, quindi, il proprio campo visivo, infatti, permette di leggere simultaneamente più caratteri alla volta moltiplicando per tre, per cinque, per dieci o più volte la propria velocità di lettura. Per questo, secondo alcune persone, è una cosa che chiunque può imparare anche da solo: è soltanto una questione di allenamento. Su questa scia di pensiero sono sorte anche app che insegnano la lettura veloce da installare sull’i-Phone o sull’i-Pad. Questo è vero, se si considera solo il “lavoro” muscolare. Ma, in realtà, c’è molto di più. Infatti, come avviene per quasi tutte le attività dell’essere umano, l’azione della mente è decisiva per riuscire a conseguire i migliori risultati e per riuscire ad amplificare i risultati che possono essere ottenuti col solo allenamento muscolare.
È per questo motivo, che abbiamo iniziato, tempo fa, una ricerca per mettere a punto un set di strumenti e di tecniche, facili da apprendere e da applicare, che potessero “fare la differenza” rispetto ai modelli degli altri corsi “tradizionali” di lettura veloce.
Questo lavoro ci ha portato ad inserire nel nostro paradigma (il corso Quantum Lettura Veloce e Mappe Mentali di Ippolito Lamedica e Jacopo Tabanelli), apposite tecniche ipnotiche e quantistiche che oggi sono in grado di moltiplicarne i risultati, rendendo questo corso, unico nel suo genere, ancora più potente, configurandolo come il più avanzato corso del settore.
Infatti, attraverso alcune metodiche di ipnosi con lo sguardo e di magnetismo, riusciamo a “svegliare” la visione laterale creando un nuovo modo di percepire la realtà in cui si ha la compenetrazione del tutto e si abbraccia completamente ciò che accade intorno a noi. Si entra in una sorta di trance che mette in disparte l’Ego, la parte logica e razionale della nostra mente, per far affiorare la parte inconscia, amplificando la percezione totale. In questo stato riusciamo ad aprire la mente ad altre possibilità creando le basi dell’approccio quantistico. La quantistica ci permette ci orientare ciascun partecipante verso un modello di creazione della realtà, in cui le proprie capacità vengono moltiplicate, ottimizzate e fatte evolvere secondo la loro possibilità più evoluta e ricca. Infatti, se secondo l’approccio quantistico possiamo parlare solo in termini di probabilità e di possibilità, applicando le tecniche quantistiche al nostro modello di apprendimento, è possibile scegliere il punto di vista per ottimizzare queste probabilità in termini di opportunità di cambiamento, di successo, di evoluzione. Questo fenomeno è spiegato dalla fisica quantistica attraverso la scoperta che va sotto il nome di legge di Werner-Heisenberg: tale fondamentale principio afferma che l’osservatore influenza l'osservato: “L’osservatore influenza la realtà che percepisce”. In quest’ottica si pone l’attenzione sull’osservatore che partecipa allo stesso processo che sta osservando. Ora, se noi pensiamo al nostro processo di apprendimento della lettura veloce e rivolgiamo la nostra attenzione al come si svolge, alla sua efficacia, al suo funzionamento, secondo questa legge, il nostro stesso pensiero modifica tale processo e può modificarlo nel senso del miglioramento o del peggioramento (si veda anche la Teoria di Henry Stapp del 2004 in base alla quale un fenomeno instabile finché viene osservato resta stabile). Le specifiche tecniche quantistiche con la luce, quelle che chiamiamo intrafaniche  trasmesseci dall’ISI-CNV di Marco Paret, permettono, fra le altre, di realizzare tali modificazioni. Non solo. Ma, applicare questo approccio che potremmo definire di ottimizzazione di probabilità, nel senso che favorisce un determinato cambiamento, permette anche lo sviluppo spontaneo della mente, proprio perché anche l'attività interna cervello risponde, ovviamente, alle stesse regole quantiche. Perciò, capire le leggi con cui funziona la mente significa moltiplicarne i risultati facendoci diventare padroni dei nostri meccanismi di pensiero e potenziando, di fatto, non solo le nostre abilità, ma anche le nostre capacità.
 

Studiare la lettura veloce in questo modo, significa affrontarla attraverso un approccio multidimensionale, cioè articolato secondo diverse estensioni; infatti il "Quantum" porta l’attenzione alle dimensioni della coscienza e dello spirito, permettendo di riscoprire l'infinità del potenziale umano" (M. Paret) e, pertanto, fornendo la base per la crescita globale, proprio attraverso l'intenzione con cui ciascuno partecipa a tale processo. Difatti è la nostra attenzione che influenza il sistema, utilizzando semplici, ma potenti esercizi che potenziano la mente: il ritmo, alcuni elementi naturali, il respiro e specifici esercizi della muscolatura.
Infine, le tecniche, più propriamente ipnotiche ed autoipnotiche, permettono a tutti i partecipanti di accrescere la concentrazione, di massimizzare il proprio potenziale con grande efficacia, incrementando le proprie capacità attraverso l’acquisizione di una migliore “presenza” e della capacità di gestire la propria mente.

Per scoprire l'efficacia di questo metodo unico, venite ai nostri corsi di Rimini e di Castelfranco Veneto il 19 e 20 settembre prossimo. Speciali offerte Last Minute!

Contattateci all'indirizzo eventilucem@gmail.com o ai numeri 328 411257 - 320 0214044!!!

mercoledì 25 febbraio 2015

Non basta migliorare la memoria!



Tutti, che siano studenti o lavoratori, desiderano avere una maggiore o migliore memoria. È la leva che sfruttano i tanti corsi che si trovano (e si vendono) sul mercato. Ma non sempre avere una memoria eccezionale è garanzia di successo.

È il caso di Jill Price, che, fin da bambina, ricorda tutto ciò che le accade. Lei stessa, che ora ha 57 anni, descrive la sua incredibile capacità con queste parole:  "È come un film che scorre ininterrottamente nel mio cervello”.  All’età di 42 anni, la signora californiana, si è sottoposta  a test neurologici che hanno appurato che effettivamente può ricordare esattamente ogni cosa che le è accaduta nel corso della sua vita, fin nei minimi dettagli  (ad esempio alla domanda: “Cosa hai fatto il 19 ottobre 1979?” Subito risponde: “Sono tornata da scuola e ho mangiato la zuppa, perché era insolitamente freddo quel giorno”). Gli studiosi hanno verificato una per una queste affermazioni, trovandole sempre tutte vere. La cosa curiosa (o tragica, direi) è che Jill Price non è capace di imparare nulla a memoria, né numeri né parole e a scuola ha trovato tante difficoltà. Il suo caso pare sia attribuibile alla presenza, nel suo cervello, di due zone più ampie della norma: il nucleo caudato, responsabile delle azioni automatiche e abitudinarie e una parte del lobo temporale in cui vengono archiviati avvenimenti e date.

Ciò che vogliamo sottolineare è che non sempre una maggiore memoria corrisponde ad un migliore apprendimento.

È per questo che abbiamo dedicato tanti anni del nostro lavoro cercando, in ogni parte del mondo, i metodi e le strategie più innovative per apprendere in modo facile, efficace e divertente. Ciò che abbiamo creato costituisce la nuova frontiera della formazione. Non si tratta solo di memoria (ovviamente anche), ma di come si impara. È un atteggiamento ed, insieme, una nuova e diversa strategia di uso della nostra mente e delle nostre capacità.

Perciò, se siete demoralizzati per la mole di libri, di compiti, di materie che dovete studiare, se siete in ansia per l’esame che dovete dare in così poco tempo, o siete stressati sul lavoro per le tante cose che dovete fare in poco tempo, sappiate che non vi occorre più memoria (perché la memoria è perfetta), ma un diverso approccio alle vostre capacità. Nel caso vogliate poter fare ogni cosa facilmente, come se fosse un gioco, magari anche divertendovi, o se vi entusiasma l’idea di apprendere velocemente e con efficacia sorprendente, possiamo aiutarvi. 

Basta solo che ci scriviate a questo indirizzo:

eventilucem@gmail.com

martedì 9 dicembre 2014

Gelb e la nuova scuola


di Jacopo Tabanelli

Secondo Michael Gelb, che abbiamo intervistato la settimana scorsa, (per vedere l’intervista clicca su  https://www.youtube.com/watch?v=yuKs5Nz8mB4 sarebbe proprio la Scuola una delle ragioni della “de-Genizzazione” di milioni di ragazzi. Cioè, è il Sistema della Scuola Pubblica, non solo italiano, ma anche americano, che, secondo l’esperto, anziché sviluppare il genio e la creatività dei nostri ragazzi, li affossano.

La domanda che sorge spontanea è: “Siamo certi che vogliamo continuare a mantenere questo tipo di sistema che anziché migliorare le nostre menti, le limita?”. 

Abbiamo trovato sul web il video di una tredicenne che ha deciso di lasciare la scuola per seguire una diversa filosofia di apprendimento da lui chiamata “HacksSchooling” (da hacker), che si basa sull’obiettivo di conseguire felicità, salute e creatività. Ecco il video https://www.youtube.com/watch?v=1YrZKHVWemQ. Quest’intervento è veramente impressionante. Sentiamo la consapevolezza di questa adolescente che non si è accontentato, è stato sostenuto, e ha trovato un’altra via che gli permette di realizzare pienamente se stessa. 

E noi, da subito, come possiamo aumentare la nostra apertura mentale, il pensiero creativo e la nostra innata genialità?

Gelb ci suggerisce alcuni passi fondamentali, approfonditi nel suo bestseller “Pensare come Leonardo”:

1) Nutri la tua creatività. Sii curioso.
2) Pensa in maniera autonoma, indipendente
3) Affina i tuoi sensi
4) Sii aperto al cambiamento e all’incertezza
5) Impara a usare in modo equilibrato la logica e l’intuizione
6) Rafforza la tua energia fisica
7) Ricorda che ogni cosa è connessa con tutto il resto

Con le tecniche di apprendimento rapido, combinate alle nuove metodologie che utilizzano il potere quantistico della mente (tecniche ipnotiche, di PNL e PNL3) abbiamo appreso e insegniamo ai ragazzi a mettere in pratica in modo concreto questi 7 principi per aumentare il proprio potenziale.

Ultimamente abbiamo incontrato presidi e insegnanti di alcune scuole del Nord-Est, che vivono il loro lavoro come Missione e hanno deciso di offrire questi strumenti ai loro alunni. Sono nati vari gruppi di 70-80 bambini di diversa età, dalla Seconda alla Quinta Elementare, con i quali abbiamo ottenuto risultati straordinari!

È eccezionale vivere queste esperienze con questi bambini e ragazzi che saranno gli uomini e le donne di domani... e vedere gli insegnanti che si sono messi in prima linea nella strada, a volte non comoda, ma entusiasmante, dell’innovazione e della crescita.

La domanda che ci siamo posti all’inizio era: Siamo certi che vogliamo continuare a mantenere questo tipo di sistema, che, anziché migliorare le nostre menti, le limita?”

La domanda che facciamo ora è: “E se avessimo già silenziosamente iniziato a cambiare modello?”


Unisciti a noi commentando questo blog. Scrivici. Chiamaci.

Come diceva Leonardo da Vinci:  ”No’ si volta chi a stella è fisso”.

Noi conosciamo la nostra meta. E tu?

LUCEM - Accendi la Luce che è in te!


venerdì 5 dicembre 2014

Pensare come Leonardo - Intervista a Michael Gelb


Abbiamo intervistato per voi una delle massime autorità mondiali in fatto di creatività, innovazione e sviluppo del proprio potenziale: Michael J. Gelb.
È autore di numerose pubblicazioni su Leonardo da Vinci e sul genio creativo; 
il suo libro Pensare come Leonardo è stato tradotto in oltre 16 lingue.
Ha fondato il "The High Performance Learning Center" che aiuta le aziende a sviluppare approcci, idee e soluzioni innovative.
All'Università della Virginia tiene il corso Leading Innovation: Thinking Creatively for Positive Change, in cui insegna ai suoi allievi i segreti
della creatività per guidare i cambiamenti positivi.

Lo abbiamo incontrato a Milano al Forum delle Eccellenze organizzato da Performance Strategies, dove siamo stati invitati dal suo Fondatore e CEO Marcello Mancini e dal nostro amico Lorenzo Olivieri, Manager e organizzatore di eventi olistici (www.lorenzolivieri.it).

A Gelb abbiamo chiesto:

  • Chi è Michael Gelb raccontato da Michael Gelb?
  • Perché se abbiamo tutti la potenzialità di diventare Geni, solo in pochissimi lo diventano?
  • Cosa occorre integrare e cosa eliminare nella Scuola Pubblica per favorire la genialità e la creatività dei ragazzi?
  • Qual è il segreto della genialità di Leonardo da Vinci?
  • Quale consiglio ci puoi dare per aumentare le nostre capacità di innovazione e genialità?

Ascolta attentamente fino alla fine.... Gelb ci dà dei suggerimenti che non puoi farti sfuggire per migliorare il tuo lavoro, i tuoi risultati e la vita intera!

E non poteva mancare questa intervista in un blog come questo che parla di sviluppo delle capacità della propria mente...

Nel prossimo articolo approfondiremo alcune tematiche che questo autore ha sviluppato nel corso a Milano e parleremo dell'introduzione delle nuove metodiche di apprendimento nelle scuole... un piccolo passo in avanti per noi, una rivoluzione per altri... ascolta intanto cosa ne pensa Gelb in questa intervista!

 

Rimani connesso, accendi la LUCE che è in Te!